Esposizioni e approfondimenti

Lavis e la Ferrovia Trento – Malé

Dal 14 settembre 1909 la borgata di Lavis è stata servita ininterrottamente dalla Ferrovia Locale Trento – Malé: in quella data iniziava il servizio pubblico fra Trento e Cles (il tratto Cles – Malé sarebbe entrato regolarmente in servizio il successivo 12 ottobre).

Già dal lontano 1859 Lavis dava nome ad una stazione della ferrovia Verona – Bolzano situata a Nord-Ovest, abbastanza distante rispetto al paese, in località Zarga.

Alla fine dell’Ottocento, grazie all’illuminato podestà di Trento, Paolo Oss Mazzurana, e ai suoi

successori (in particolar modo, Antonio Tambosi) fu proposta e progettata una rete di “ferrovie economiche” avente lo scopo di collegare il capoluogo trentino con tutte le principali vallate. La borgata di Lavis giocava un ruolo di primo piano in questo progetto in quanto, in una fase più avanzata, poteva diventare stazione di diramazione per due linee, una verso Mezzolombardo e le valli di Non e di Sole, l’altra verso le valli di Cembra e Fiemme.

Come noto, per varie vicissitudini politiche ed economiche, fu realizzata solo la Trento – Malé.

APPROFONDISCI ›

L’esposizione

Benvenuti al museo che racconta la storia del trasporto pubblico in Trentino e delle società che hanno dato vita a Trentino Trasporti.



UNA STORIA DA SCOPRIRE

Attivita e eventi

giornate-delle-ferrovie-delle-meraviglie-2627-maggio-2018

Giornate delle Ferrovie delle Meraviglie - Sabato 26 e domenica 27 maggio 2018

Vieni a scoprire, sabato 26 e domenica 27 maggio 2018, in occasione delle Giornate delle Ferrovie delle Meraviglie, il museo TTram - Archivio Museo del Trasporto Pubblico in Trentino

dettagli ›
09
Mag
inaugurazione-piattaforma-girevole

Inaugurazione piattaforma girevole

Il primo agosto 2016, alle ore 21.00 sarà inaugurata la nuova piattaforma girevole per locomotive alla Stazione di Fortezza.

dettagli ›
01
Ago
Trovaci su Google Maps
Servizi e informazioni

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l’esperienza dei visitatori. Se decidi di continuare consideriamo accettato il loro uso.  Leggi la privacy